martedì 30 settembre 2014

Una visita all'Orto Botanico di Brera

Nel cuore di Milano esiste da sempre una silenziosa oasi di verde: è l'Orto Botanico di Brera


Si tratta di un giardino storico le cui prime testimonianze scritte risalgono al 1100 e che nei secoli ha subìto diverse modifiche fino a diventare un vero e proprio orto botanico nel 1774, per volere dell'imperatrice Maria Teresa d'Austria.


A quell'epoca l'Orto Botanico di Brera divenne perciò un'importante istituzione destinata agli studenti di medicina e farmacia che qui potevano studiare dal vero le piante officinali e apprendere il loro utilizzo.
Le parcelle, tutt'oggi visibili, erano delimitate da file di mattoni e la loro larghezza corrispondeva alla misura di un braccio disteso per permettere agli insegnanti e agli studenti di indicare agevolmente le piante in esse coltivate.
 

L'Orto Botanico però non aveva solo una finalità didattico-scientifica perchè le piante officinali qui coltivate rifornivano la Spezieria di Brera, una sorta di farmacia dell'epoca a disposizione di tutti i cittadini.
Dopo diverse vicissitudini, anni di incuria e totale abbandono, oggi l'Orto Botanico fa parte del Museo Universitario Astronomico-Orto Botanico di Brera dell'Università degli Studi di Milano.


A partire dal 1980 l'Università ha iniziato e realizzato il progetto di recupero e salvaguardia del patrimonio storico, scientifico e naturalistico di Palazzo Brera che, oltre all'Orto Botanico, comprende anche il Museo Astronomico.
Il restauro effettuato è stato di tipo conservativo, rispettoso dell'impianto originario.


Di grande interesse è anche il Museo Astronomico che comprende l'Osservatorio con la Cupola e il Telescopio, risalenti alla seconda metà del 1800.
L'ingente patrimonio storico del Museo Astronomico comprende la Biblioteca Antica, l'Archivio Storico e la preziosa raccolta di Strumenti Scientifici


All'interno dell'Orto Botanico si trovano due vasche ellittiche risalenti alla seconda metà del 1700, che servivano per la raccolta dell'acqua piovana da utilizzare per l'irrigazione, oltre ad un complesso sistema di canalizzazione delle acque realizzato in mattoni e pietre, in perfetto stato di conservazione ma non più utilizzato


Risale invece al 1800 la Specola per gli studi astronomici dell'Osservatorio...


e sempre al 1800 risalgono le aiuole in mattoni originali, restaurate e tuttora coltivate, e la serra progettata dal Piermarini ma successivamente modificata e attualmente utilizzata come aula dall'Accademia di Belle Arti...


Dal punto di vista botanico, l'Orto ospita centinaia di specie di piante officinali, ortaggi e diverse collezioni tra le quali Salvie, Euphorbie, Peonie e Aquilegie

 
ma anche aiuole di bulbi a fioritura primaverile introdotti a Brera dal Centro Internazionale dei Bulbi di Hillegom (Olanda), oltre a erbacee perenni e vegetazione spontanea


Nelle stesse aiuole delle bulbose primaverili sono ora coltivate anche le Hosta, con il preciso scopo di nascondere le foglie delle bulbose che devono terminare il loro ciclo vegetativo...in pratica è esattamente quello che faccio anch'io già da vent'anni nel mio giardino!


Sono presenti circa 200 esemplari di arbusti e alberi tra cui anche piante secolari come l'imponente coppia di Ginkgo biloba maschio e femmina, considerati tra i più antichi esemplari di questa specie presenti in Europa.


Furono infatti importati dalla Cina nel 1775, ovvero l'anno successivo alla fondazione dell'Orto Botanico stesso.
La foglia di Ginkgo biloba è diventata il simbolo dell'Orto Botanico di Brera.

L'Orto offre diversi percorsi tematici per poter meglio apprezzare il suo patrimonio botanico: molto particolare e interessante ad esempio è quello dedicato alle cortecce, ma di questo vi racconterò in un altro post...

L'Orto Botanico di Brera è visitabile gratuitamente tutto l'anno.
Per info e orari potete consultare il sito ufficiale del Museo Universitario.

Altri post dedicati all'Orto Botanico di Brera:
Riconoscere gli alberi dalle loro cortecce 
Una rosa dedicata a Paul McCartney 
 

3 commenti:

  1. e cosa prevede la giornata di domani se ce la faccio entro le 17?????
    L'orto botanico di brera !!!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Entro le 17...cosa????
      Scusa Laura, ma non ho capito :-)
      Domani comunque proseguirò il racconto dell'Orto Botanico di Brera con il percorso delle cortecce e dopodomani...sorpresa!
      Non vorrai che ti riveli tutto oggi, vero?

      Elimina
    2. Ah, scusami...ho capito solo ora :-D
      Domani TU andrai all'Orto Botanico di Brera (se ce la farai entro le 17)
      :-)

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!