martedì 9 settembre 2014

L'Olanda e i tulipani

Non si può raccontare l'Olanda senza parlare dei tulipani.
Certo, ci sono molti altri aspetti che caratterizzano questo Paese ma il tulipano è considerato il vero biglietto da visita dell'Olanda e lo troverete ovunque fin dall'arrivo, anche se non è stagione di fioritura.

Sui coloratissimi manifesti di benvenuto, in stazioni e aeroporti...  


e perfino in allestimenti pubblicitari come questo, visto appena atterrata a Schiphol, dove un auto emerge da un tappeto di tulipani artificiali...


La stagione dei campi in fiore va dalla fine di marzo alla fine di maggio, dipende dal tempo, ma in genere il periodo ideale è attorno alla metà di aprile.
Nelle altre stagioni, quando il tulipano non è più disponibile, vi troverete comunque circondati da questo fiore in altre svariate forme, a partire da gadget e souvenir 


Ci sono infatti i coloratissimi tulipani intagliati nel legno, in vendita singolarmente o a mazzi, come preferite, anche in versione soprammobile...


L'estate è il periodo migliore per acquistare i bulbi di tulipano, da interrare tra settembre e ottobre per ottenerne la fioritura primaverile.
Il Bloemenmarktil mercato galleggiante dei fiori di Amsterdam, è certamente il luogo ideale per scegliere tra infinite varietà.
Da preferire l'acquisto di bulbi sfusi, scegliendoli accuratamente tra le varie casse...


mentre il turista più frettoloso e meno esigente ha solo l'imbarazzo della scelta tra i bulbi pre-imballati in differenti confezioni regalo.
Dai sacchetti di carta...


alle più eleganti shopping-bag plastificate...


dai bulbi in lattina...


alle valigette di cartone e i sacchi di rete...


al cartoccio simil-bouquet...


Naturalmente ci sono anche le versioni che riuniscono due tipici souvenir olandesi in uno, come i bulbi di tulipani confezionati in una elegante ceramica di Delft bianca e blu...


o più spiritosamente inseriti in un classico zoccolo di legno dipinto...


Se invece non siete giardinieri, il tulipano vi viene offerto in tantissime altre soluzioni, dalle tazze...


alle calamite...


dalle lampade...


agli ombrelli...


solo per citare qualche esempio di come il tulipano possa essere proposto, per tutti i gusti e per tutte le tasche...


anche sotto forma di decorazione da appendere all'albero di Natale...


Se poi amate il tulipano come fiore reciso, qui trovate un'ampia gamma di vasi appositamente studiati per accoglierli...





E per gli acquisti dell'ultimo minuto, all'aeroporto ci sono i negozi Aviflora dove è raccolto tutto l'assortimento disponibile di bulbi e gadget.
In questi punti vendita è previsto anche il servizio Happy Landing: tramite prenotazione anticipata via telefono, fax o e-mail, una hostess vi darà il benvenuto o vi augurerà un felice ritorno a casa porgendovi un mazzo di fiori tutto per voi, al costo di 20 euro, beninteso...
 

Se siete amanti dei tulipani, segnatevi poi la data del 18 gennaio 2015.
In quel giorno si terrà ad Amsterdam l'annuale Giornata Nazionale del Tulipano che inaugurerà ufficialmente la stagione dei tulipani.
Nella centralissima piazza Dam, proprio di fronte al Palazzo Reale, i coltivatori olandesi di tulipani allestiranno, come ogni anno, una gigantesca aiuola formata da decine di migliaia di tulipani, trasformando la piazza in un immenso giardino colorato dove i visitatori potranno raccogliere gratuitamente mazzi di questo fiore.

Una giardiniera alla scoperta dell'Olanda...ecco tutti i post:
Cartoline dall'Olanda
Il mercato galleggiante dei fiori di Amsterdam 
Il Begijnhof di Amsterdam 
Sorprendenti bouquet di fiori dall'Olanda 
Le case galleggianti di Amsterdam e i loro giardini 

 

7 commenti:

  1. lo saprai già, ma il tulipano ha innescato la prima grande speculazione economica (con successivo crollo) dell'economia europea, quando un ibrido particolarmente ricercato era arrivato a costare come una casa.
    Il libretto è molto interessante (e sarebbe anche istruttivo, ma si sa .....) "La febbre dei tulipani. La prima grande crisi economica della storia" di Mike Dash

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Eh sì, la famosa 'bolla del tulipano' ovvero la prima bolla speculativa europea.
      Il libro di Dash però non l'ho mai letto, grazie della segnalazione! :-)

      Elimina
  2. se volevi farmi svenire ce l'hai quasi fatta. Ho 3 tulipani olandesi, regalo di mia mamma da un suo viaggio, che fioriscono puntualissimi e sanissimi malgrado io , manco a dirlo, li ignori deliberatamente da sempre.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece ho smesso di coltivare tulipani da quando, un paio di inverni fa, i topi li hanno scavati dai vasi e rosicchiati.
      Del resto, si sa, sono una giardiniera pigra e di rimuovere i bulbi e ripiantarli, proprio non se ne parla!
      Ho pensato di ricoprire i vasi con delle reti di metallo, per proteggerli dai roditori durante l'inverno, ma poi ho utilizzato i vasi per altre piante :-D

      Elimina
    2. i topi si mangiano i bulbi? Schifosi.
      comunque, io non li tiro fuori ma li lascio naturalizzare. Forse funziona perchè ad Allau il terreno è sabbioso, quindi drenato, quindi non marciscono. Almeno credo che le cose stiano così

      Elimina
  3. Luisella, mi fai venire una voglia di tulipani...quest'anno credo proprio che ne comprerò un bel po da mettere in terra. Lausa, fortunata te che hai tulipani che continuano a fiorire, i miei dopo 3 anni spariscono..questa primavera ne sono venuti fuori pochissimi:-(

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io invece, a causa dei topi, ho rinunciato ai tulipani :-(
      Invece mi piacerebbe moltissimo collezionare i vasi appositi per i tulipani recisi, ne ho visti tantissimi in Olanda e tutti bellissimi.
      Poi però avrei in giro anche quelli...meglio di no :-D

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!