martedì 2 settembre 2014

Cartoline dall'Olanda

Durante le mie vacanze 2014 sono andata in Olanda e tra qualche giorno ve la racconterò a modo mio, vista attraverso gli occhi di una giardiniera.

Per il momento però vi do qualche anticipazione, mostrandovi alcune 'cartoline virtuali'...


Una piacevole sorpresa sono stati i grandi vasi di girasoli all'uscita dell'aeroporto di Schipol.
Siamo già alla metà di agosto, piove e la temperatura non supera i 15°: riusciranno mai a fiorire?
In ogni caso mi è piaciuto moltissimo il modo in cui l'Olanda dà il benvenuto ai suoi visitatori, con un allestimento di girasoli alla Van Gogh.
E' un'idea semplice e bellissima, decisamente meglio dell'enorme statua simil-Arcimboldo ornata di salami, polli e maiali penzolanti che invece accoglie i turisti  a Milano, all'aeroporto di Linate...ma quanti orrori ci inventeremo ancora in vista dell'Expo?


Ero fuori stagione per vedere i variopinti campi formati dalle spettacolari fioriture di tulipani ma giusto in tempo per acquistarne i bulbi...


La mecca del tulipano è il Mercato galleggiante dei fiori di Amsterdam...


Oltre a girasoli e tulipani, c'è però un'altra pianta che contraddistingue Amsterdam: la Cannabis...


Ho visto poi le famose case galleggianti...


la 'casa' del Re e della Regina...


ma anche tante deliziose casette che sembrano uscite dal mondo delle fiabe...


Sono stata perfino in un villaggio dove l'aria che si respira sa di cioccolato amaro, ma vi assicuro che l'odore non è poi così piacevole...


mentre sono davvero buonissime le zuppe, calde e dense, l'ideale dopo una giornata passata quasi interamente sotto la pioggia...


Tra i cibi tipicamente olandesi mi è piaciuto anche il pannenkoek, ovvero un pancake grande come una pizza ma che, a differenza dei pancake americani, si mangia a pranzo o a cena e non a colazione.
Il pannenkoek si cucina sia in versione salata che dolce.
Io l'ho scelto dolce, con mele, zucchero e cannella...


Da vedere e fotografare è Febo, una catena di fast-snack tutta olandese, con distributori automatici in stile rétro, ideata negli anni '60 da Ferdinand Boolstrat (da cui il nome FEBO).
Basta inserire le monete per aprire uno sportellino della vetrinetta che contiene lo snack, fresco di giornata e a temperatura controllata.


Vi racconterò soprattutto della mia visita al De Hortus, uno dei più antichi orti botanici del mondo...


dove si entra pure in una serra che ospita le farfalle...


Imperdibile la Rembrandtplein, ovvero la piazza dedicata a Rembrandt, non tanto per la statua del pittore, quanto per la riproduzione a grandezza naturale dei personaggi del suo più famoso dipinto, la 'Ronda di Notte'.
Impossibile però fare una foto decente dell'insieme, perchè le statue sono letteralmente prese d'assalto dai turisti: c'è chi si mette in posa tra i personaggi, chi ne replica i gesti, chi addirittura si arrampica sulle spalle delle statue, quasi fosse una gara per chi si inventa la foto-ricordo più stravagante...mah...


Solitaria e totalmente ignorata dai turisti è invece la statua dedicata a Baruch Spinoza.
Il filosofo è rappresentato ricoperto da un mantello, curiosamente decorato da rose, passeri e pappagalli.
 

E i mulini a vento?
Eccoli...


E gli zoccoli di legno?
Ecco anche quelli...


E il quartiere a luci rosse?
Sì, esiste ancora, ma ormai ha fatto il suo tempo... 


ma gli stereotipi che un turista si aspetta dall'Olanda, qui si trovano davvero tutti!

Una giardiniera alla scoperta dell'Olanda, ecco tutti i post:
Il mercato galleggiante dei fiori di Amsterdam 
L'Olanda e i tulipani 
Il Begijnhof di Amsterdam 
Sorprendenti bouquet di fiori dall'Olanda
Le case galleggianti di Amsterdam e i loro giardini  


5 commenti:

  1. Davvero un bel reportage! Viene voglia di partire, sarà che io partirei in continuazione. . . ! Aspetto altro resoconto con curiosità.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie!
      Ci vorrà però ancora qualche giorno per pubblicare altri post sull'Olanda: ho tantissime foto da riordinare, oltre a urgenti lavori da fare in giardino, trasformatosi nel frattempo in una giungla, per non parlare poi della casa :-D

      Elimina
    2. Meno male che non succede solo a me . . :-)

      Elimina
  2. olanda bellissima tutta, ma io al mercato dei fiori ... mi ci trasferirei per una settimana, fino allo sfinimento !!! :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...fino allo sfinimento dei venditori, non certo tuo, vero? :-D

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!