martedì 24 giugno 2014

Un piccolo giardino in vasi...un anno dopo!

Lo scorso anno avevo scoperto per caso un piccolo e curatissimo giardino, coltivato interamente in vasi in uno stretto e ombroso passaggio tra due edifici.
In uno spazio veramente angusto, una brava giardiniera aveva saputo creare un'oasi felice e accogliente!

Tornata da quelle parti, sono passata a dare un'occhiata.
Ecco come si presenta quest'anno il piccolo giardino in vasi...


Tra le piante perenni che fanno da 'ossatura' alla composizione e cioè Trachelospermum, Hydrangea, Buxus e Solanum capsicastrum, sono state aggiunte le consuete stagionali da fiore che ben si adattano all'ombra.
Del resto, come si suol dire, squadra che vince non si cambia...


Ecco quindi una gran profusione di begoniette e piante di vetro (Impatiens walleriana) che formano piacevoli macchie di colore e che, grazie alla loro abbondante e ininterrotta fioritura, garantiscono fiori per tutta la stagione e oltre.
Ancora colore grazie ad alcune piante di Coleus, un'altra stagionale coltivata per le sue foglie variopinte: quest'anno sono state scelte nei toni del rosso-bordeaux-rosa.
Tra le new-entry ho notato una piccola Fatsia japonica, una sempreverde dalle foglie palmate che cresce molto bene all'ombra e mi è parso pure di intravedere i fiori azzurri di una Campanula carpatica.
Sono presenti però anche due o tre vasi di piante che generalmente preferiscono esposizioni soleggiate e cioè Portulache, Dianthus e basilico.
Tentar non nuoce e spesso regala sorprese inaspettate!


L'inserimento di piccole statue e piedestalli di vario genere movimenta e aggiunge interesse alla bella e sempre più rigogliosa composizione.

Anche quest'anno rinnovo perciò i miei complimenti alla brava giardiniera!


Se volete vedere le differenze, ecco come si presentava il piccolo giardino in vasi  nel mio post dello scorso anno.

4 commenti:

  1. Per gli appassionati del verde tutto diventa facile, bello e possibile. Davvero una bella sfida. . . vinta !

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E pure con piante comunissime da reperire in qualsiasi garden center!

      Elimina
  2. e io apprezzo la giardiniera, che mi sta così simpatica per il suo impavido stile, e anche il tuo occhio fino! Interessante. Ricordo il post della scorsa estate, e apprezzo l'aggiornamento. :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti dirò...io apprezzo maggiormente piccole realizzazioni di questo tipo, ma fatte con amore e cura, piuttosto che i giardini perfetti creati da esperti garden designer :-D

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!