venerdì 20 giugno 2014

Il giardiniere umbro non si arrende mai

Girando tra borghi e paesi dell'Umbria mi sono divertita a osservare l'abilità e l'inventiva dei giardinieri locali.
I più fortunati, che hanno davanti a casa una piazzola, riescono perfino a creare dei piccoli giardini in miniatura...


dove a volte si riesce a mettere a dimora anche un alberello....


o magari un albero da frutto...


ma ho trovato anche chi non ha rinunciato ad allestire perfino un mini-pond...


Niente piazzola, niente gradini, niente balconi per accogliere qualche pianta?
Nessun problema!
Il giardiniere umbro non si arrende e appende i fiori al muro, in cestini sospesi...


o negli appositi mezzi vasi, saldamente ancorati alle pareti.
C'è chi si accontenta di metterne un paio accanto alla porta d'ingresso...


e chi invece li appende su tutta la parete di casa, esponendo una sorta di collezione di vasi e cornucopie...


E non crediate che mezzo vaso limiti la scelta delle piante!
La foto qui sotto è un esempio di varietà: ci sono vasi che contengono piccole conifere, altri con annuali da fiore, come surfinie e portulache, ma addirittura ce n'è uno dove cresce una vite, che si allunga sulla parete...



A volte però sono proprio i vasi che rubano la scena alle piante, come questa coppia di orci che riprendono i classici decori e colori delle maioliche di Deruta



fino a diventare protagonisti assoluti davanti all'ingresso di casa, anche senza piante...



Aggirandomi tra vicoli e stradine ho incontrato innumerevoli soluzioni sempre diverse e sempre interessanti.
Tra le tante però ne ricordo una in particolare...


Gli abitanti di questa stradina che ho visto a Spello, si sono evidentemente accordati nella scelta di una sola e unica pianta, l'Aspidistra, creando un bellissimo effetto lussureggiante e fresco.


Se ve lo siete perso, ecco il precedente post su questo argomento:
L'Umbria vista con gli occhi di una giardiniera 


4 commenti:

  1. Risposte
    1. Grazie Ilenia!
      Il tuo commento vale moltissimo per me, soprattutto perchè arriva proprio dall'Umbria.
      Ciao :-)

      Elimina
  2. Che belle foto e che bei giardini! I fiori e le piante arricchiscono veramente i posti e l'anima! Che bel viaggio che hai fatto!

    RispondiElimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!