lunedì 9 giugno 2014

Il Festival degli Orti 2014 a Monza

Durante il fine settimana si è svolta a Monza la terza edizione del Festival degli Orti, ambientato nel prato delle serre della Villa Reale, un'area solitamente chiusa al pubblico e che un tempo ospitava appunto le serre e gli orti della Casa Reale.
Il tema di quest'anno, 'Coltivare Energie', richiamava  volutamente quello di Expo 2015 'Nutrire il Pianeta, Energia per la Vita'.


Per i terzo anno sono stati affrontati argomenti relativi all'orticoltura in ambito cittadino, dando risalto questa volta all'energia che deriva dal contatto con la natura, alla riscoperta delle buone pratiche della tradizione applicate alle coltivazioni urbane, fino all'energia che si crea in una comunità di orti urbani, fatta di solidarietà e condivisione.


La consueta mostra-mercato che affianca il Festival degli Orti, quest'anno è stata inserita all'interno dell'area e si è aperta anche alle aziende che si occupano di prodotti per la trasformazione della materia prima, utilizzabili in ambito casalingo e a quelle che si occupano di benessere e rimedi naturali.

Sono stati organizzati poi diversi laboratori e lezioni pratiche per adulti e per bambini, sul tema dell'orticoltura, del giardinaggio e della cucina.
Per gli adulti c'erano gli insegnanti della Scuola di Agraria del Parco di Monza che dispensavano consigli pratici... 


mentre alcuni animatori guidavano i bambini in coinvolgenti attività ludiche, alla scoperta di piante, fiori, semi e germogli...


Sabato sera è stata perfino allestita una cena sull'erba per 200 persone, a base di prodotti dell'orto!

Il punto focale della manifestazione erano però le installazioni vegetali, nate anche quest'anno dalla collaborazione tra garden-designer, architetti paesaggisti e aziende florovivaistiche.
Non tutte, a mio parere, erano però all'altezza della situazione, a cominciare dal tanto pubblicizzato orto (???) verticale di 6 metri che, tra base di cemento, pali di ferro e ceste di paglia con qualche pianta giusto qua e là, si è rivelato essere più un'opera architettonica simbolica che un progetto con idee riproducibili nella pratica.
Eccolo qui...


Io invece ho trovato davvero apprezzabili tre installazioni pur diversissime tra loro, ma che rivelavano un progetto di base molto interessante e una realizzazione ricca di idee e spunti da copiare.

E poichè meritano veramente attenzione e il massimo risalto, nei prossimi giorni ve le racconterò nei dettagli...

Ecco le tre migliori installazioni che ho selezionato:
L'aiuola cumulo nell'orto sostenibile 
Cosa ti pOrto?.com 
Orto, Arte e Sinergie 

 

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!