venerdì 27 giugno 2014

A Milano, l'orto in piazza Duomo: cosa ne pensate?

Nel 2013 l'Amministrazione Comunale di Milano aveva indetto un concorso aperto a tutti per ridisegnare le aiuole di piazza Duomo.
Il progetto vincitore, presentato dal vivaio Nespoli di Carugate, prevedeva boschetti e orti, in sintonia con l'ormai onnipresente Expo 2015.
Contemporaneamente alla presentazione del progetto si erano scatenate polemiche sull'opportunità di trasformare la famosa piazza lapidea in una sorta di orto urbano.
A dir la verità le aiuole oggetto di restyling erano davvero tristi e anonime, per non dire imbarazzanti...




Nei primi giorni del mese di maggio di quest'anno i lavori sono regolarmente iniziati, rimuovendo la piantumazione presente nelle aiuole che separano piazza Duomo dal traffico cittadino...


I lavori riguardavano dunque solo ed esclusivamente le aiuole in fondo alla piazza che ora hanno già un aspetto molto ben definito.
I boschetti in realtà sono un piccolo gruppo di piante che non superano i 3-4 metri, posti alle due estremità della lunga aiuola



Le due aree che ospitano i boschetti di carpini e clerodendri sono tappezzate con piante di edera ma attorno c'è ancora un'area da completare (forse a prato?)


I lavori sono tuttora in corso e perciò nelle foto vedrete attrezzi e imballaggi sparsi.
Oltre ai due boschetti alle estremità, l'aiuola ora si presenta così...


lasciando spiragli alla vista della piazza, del monumento equestre a Vittorio Emanuele II e al Duomo...


e lasciando scorgere, tra una pianta e l'altra, anche gli edifici laterali della piazza...
 

 Le aiuole sono state trasformate in una sequenza di orti a terrazzamenti in Cor-Ten di differenti altezze


In questi grandi contenitori sono state inserite le piante della tradizione agricola del territorio, dalle graminacee alle aromatiche


 Ho visto piante di rosmarino, lavanda, menta, rucola ma anche un piccolo appezzamento di fiordalisi, un fiore ormai completamente scomparso dai nostri campi, e diverse aree riservate ai cereali


 Tutto molto interessante ma, a mio parere, non adatto a piazza del Duomo!


Il progetto intende rivalutare la tradizione agricola lombarda, comprendendo anche le più comuni piante coltivate nelle campagne e trasformandosi quindi in una sorta di 'orto didattico' che prevede a breve anche l'inserimento di cartelli esplicativi. 

Lasciatemi dire però che comincio già a essere stanca di questo spirito dell'Expo 2015 che si sta insinuando ovunque e la tradizione agricola avrei preferito che fosse lasciata alla campagna anzichè trasportata in centro a Milano e proprio in piazza Duomo.


Io mi auguro che, una volta terminato l'Expo 2015, questo orto-bosco celebrativo venga smantellato e che, invece di ricreare nuove e insignificanti aiuole, si pavimentasse il tutto, lasciando spazio a ciò che Milano si merita: una bella, austera e grandiosa piazza, aperta solo alla maestosità del Duomo.
 

4 commenti:

  1. Sulla maestosità del Duomo non si discute ma, in tutta sincerità, la piazza a me sembrava un po' squallida. Una spianata grigia senza troppo fascino.. Ora non so come diventerà. . . In fondo è da tanto tempo che in altri paesi d'Europa vengono usate piante da orto per abbellire le aiuole cittadine, basti pensare a Parigi. Il risultato, secondo me, è gradevole. Forse bisogna abituarsi un po' al cambiamento, purchè il cambiamento sia realizzato da persone capaci e competenti. Cosa che purtroppo, in Italia, non sempre succede.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Capisco benissimo la tua opinione anche se non la condivido :-)
      Da giardiniera vorrei vedere anch'io alberi e fiori ovunque ma secondo me ci sono luoghi dove la natura deve rimanere fuori.
      Il verde a Milano ci deve essere ma non ha senso piantare alberi e frumento in piazza Duomo a meno che si tratti di una installazione TEMPORANEA, magari proprio per questo Expo.
      La piazza è un'opera architettonica che raccoglie splendidi edifici di epoche e architetture differenti e che è stata fatta con lo scopo di esaltare la grandiosità (spirituale, storica o architettonica, a seconda di chi lo osserva) del Duomo.
      Non è un luogo di svago da abbellire con piante e fiori, la sua bellezza sta proprio nella sua austerità.
      Per orti, boschi e coltivazioni agricole, Milano ha altri spazi e luoghi.
      Per quanto riguarda la competenza di chi sta realizzando i lavori, non saprei dire, almeno per il momento,
      Di certo vedere i sacchi vuoti abbandonati in giro mi ha piuttosto infastidita,
      Ciao! :-)

      Elimina
  2. io condivido parola per parola! Milano, e piazza duomo in particolare è austera. Il verde si scatena dentro, nei chiostri e nei meravigliosi e segreti cortili. Non in piazza. Duomo poi ... brutta pubblicità. Brutte aiuole. La solita solfa, dopo l'arredo urbano degli anni 80 arrivano queste aiuole expo. Milanesi, portiamo pazienza!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Io sono Monzese e invece di portare pazienza, davanti a queste cose rendo pubblica la mia opinione, per quel che può valere :-D
      Ciao! :-)

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!