giovedì 29 maggio 2014

Un Marziano a Monza

Dall'inizio di maggio un'installazione è comparsa poco lontano da casa mia.
Impossibile non notarla...


Sono due balle di fieno dipinte di rosso con alcune gambe di manichini, rosse pure quelle, che spuntano in cima.
Questo lavoro è collocato in uno degli ultimi campi coltivati nella periferia di Monza ormai urbanizzata, a filo del marciapiede che costeggia la strada più trafficata del quartiere.


Un cartello spiega che si tratta di un progetto di Art-Happening intitolato 'Un marziano a Monza' ed è corredato dalla recensione di un critico d'arte che elenca le fonti alle quali questa opera si ispira: si va dal film Un cielo sopra Berlino, passando per il David Bowie alieno e la Guerra dei Mondi di Orson Welles, fino al Marziano a Roma di Ennio Flaiano.

La descrizione critica cita ancora il breve istante di stupore provocato dalla novità, da qualcosa di diverso e insolito che vuole scuotere l'indifferenza quotidiana nella quale siamo tutti precipitati e nella quale rapidamente finisce anche l'evento più inatteso.
Ma, sempre a detta del critico, "...solo l'arte, non da ora ma da sempre, salva..."

Io ringrazio gli autori, Roberto Spadea e Felice Terrabuio, che con questo lavoro hanno voluto dimostrare quanto sia potente ormai la nostra indifferenza davanti a qualsiasi cosa. 
Non sono un critico d'arte ma vorrei esprimere anch'io la mia modesta opinione...


E' vero, ci stiamo abituando a qualsiasi cosa e forse la nostra indifferenza ci serve per anestetizzare il male quotidiano che ci circonda.
Ma allora, cari artisti, anzichè provocarci con la bruttezza, perchè non provate a farlo con la bellezza?
Di questa sì che ne abbiamo davvero bisogno e sono sicura che la vostra opera non cadrebbe nell'indifferenza, ma si farebbe la fila per poterla ammirare.
E saremmo fieri di ospitarla nel nostro quartiere!

Il 'Marziano a Monza' ci ha fatto certamente spalancare gli occhi alla sua comparsa ma, in tutta sincerità, se ora preferiamo ignorarlo non sarà perchè è davvero inguardabile?
Per farci amare il vostro Marziano non basta la lunga e osannante recensione del critico d'arte alla quale però si è aggiunto anche il commento di un anonimo cittadino



forse stufo di dover passare ogni giorno accanto a tanta bruttezza!

Ringrazio la redazione di Yahoo! Notizie Italia che ha inserito le mie foto nell'articolo Un alieno a Monza?  pubblicato nella rubrica 'Curiosità'.

 

10 commenti:

  1. Parole sante le tue! Ormai ci fanno passare per arte una qualsiasi schifezza. Neppure io sono un critico d'arte ma penso di avere un minimo senso estetico. La vera bellezza incanta tutti, esperti e non.
    Questa non è un'opera d'arte e poi quel color sanguinolento è proprio orrendo. Meno male che c'è chi ha il coraggio di dirlo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ecco, la pensiamo allo stesso modo!
      Giusto ieri sono rimasta esterrefatta davanti alle foto dell'opera di Tracey Emin intitolata mi pare 'My Bed' e che sta raggiungendo cifre da capogiro.
      E' un letto disfatto e contornato da oggetti e vestiti abbandonati...a me non ha assolutamente dato l'impressione di ammirare un'opera d'arte, ma di una grande presa in giro.
      A questo punto mi viene in mente la favola 'I vestiti del Re' dove tutti elogiano gli inesistenti abiti del re e solo un bambino ha la sincerità di gridare che il re è nudo!

      Elimina
    2. sono con voi, questa "opera" d'arte non è nè bella nè tantomeno interessante. A dire il vero è solo brutta. E forse la provocazione sta nella bruttezza. Chissà come andrà a finire, prevedo una brutta fine per le balle di fieno.

      Elimina
    3. All'inizio temevo anch'io una brutta fine, dopotutto è fieno, bastava poco...
      Invece è lì da quasi un mese, nella più completa indifferenza o forse rassegnazione
      Che fine faranno poi quelle balle di fieno al termine di questo Art-Happening sarà tutto da vedere...intrise di vernice non potranno tornare nelle stalle...magari saranno anche capaci di venderle a qualche collezionista di opere d'arte :-D

      Elimina
  2. In Svezia fanno una cosa simpatica, non viene chiamata arte, sono i contadini a farla solo per far sorridere. Usano una balla di fieno come queste che hai fatto vedere, non la colorano, è al naturale e la lasciano nel campo poggiata sul lato curvo. Dal lato piatto della balla escono due gambe (che quindi sono parallele al terreno) vestite e con scarpe, e poi sempre dalla balla esce parte di una bicicletta, è come se un ciclista non abbia fatto in tempo a frenare e ci sia finito dentro con tutta la bici. Altre volte la bicicletta sgangherata è nel campo in prossimità della balla di fieno. È una cosa carina. Se quest'anno la vedo faccio una foto. Ma questa che hai fotografato tu non fa sorridere affatto!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bel racconto...grazie Oriana!
      Davvero spiritosi e simpatici i contadini svedesi!

      Elimina
    2. Perché non mie possibile Rispondere?????

      Elimina
  3. Quest'opera, bella o brutta che sia, è stata pensata da me e Felice Terrabuio come una Land Art Comunicativa realizzata per attrarre e sensibilizzare l'opinione pubblica contro l'indifferenza generale. Per tutti i commenti, positivi e negativi, visti fino ad ora devo dire che ci siamo proprio riusciti..... e come dice Vittorio Raschetti: In un tempo che ha rimosso il passato e svuotato le attese, l'unico spazio che resta è l'arte della fuga dall'indifferenza. Piovono pietre, precipita il futuro. Solo l'arte, non da ora, ma da sempre, salva. Solo Don Chisciotte perde la battaglia con i mulini a vento dell'immaginazione, ma vince nella gloriosa arte dell'utopia.
    Roberto Spadea

    RispondiElimina
  4. Sono d'accordo sul fatto che faccia discutere, ma arrabbiare no, non sono assolutamente d'accordo. Prima di arrabbiarsi bisogna conoscere a fondo gli artisti, quello che hanno fatto e continuano a fare per Monza gratuitamente e senza aiuti di nessun genere. Da anni io e Felice siamo socialmente impegnati in prima linea su tanti fronti: con la nostra associazione streetartpiu e con il progetto Fight The Writers, oltre che con tante altre iniziative artistiche che hanno come unico scopo rendere Monza più bella. I Monzesi che si arrabbiano cosa fanno realmente per la nostra città oltre che a prendersela con tutti con tutto??? A questo punto devo dire che oltre all'indifferenza quest'opera dovrà far riflettere e cercare di ripristinare in noi quel senso civico ormai perso... Guardatela e pensateci.. Roberto Spadea

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Buongiorno Roberto,
      i tuoi commenti sono apparsi solo ora perchè sono soggetti a moderazione.
      In questi giorni non ho la possibilità di aggiornare il blog e quindi anche i commenti si trovano in attesa di pubblicazione.
      Se tu fossi un lettore abituale del mio blog, l'avresti capito :-)
      In questo post e nei commenti successivi nessuno ha detto di essere arrabbiato, ma tutti e io per prima, abbiamo espresso la nostra opinione sulla tua opera, come ritengo sia lecito.
      E la mia opinione, la ribadisco: Monza non diventa più bella con due balle di fieno dipinte.
      Ti invito quindi a rileggere con calma questo post e i relativi commenti.
      Ciao :-)
      Luisella Rosa

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!