mercoledì 14 maggio 2014

Orticola 2014: le curiosità

Orticola non è solo una mostra-mercato di fiori e piante ma è un luogo dove si esprimono le diverse anime del giardinaggio, dove si svela la creatività che nasce dall'utilizzo degli elementi naturali e dove si può capire e apprezzare l'impegno di chi, grazie al giardinaggio, lavora e ne ricava da vivere.

Arrosoir et Persil, ad esempio, anche quest'anno ha affascinato adulti e bambini ricreando un angolo di giardino tra arte e poesia, dove i suoi decori di metallo si confondevano tra i fiori di campo...


Ai tradizionali uccellini, sempre molto apprezzati nelle precedenti edizioni di Orticola, si sono aggiunte quest'anno coloratissime farfalle e variopinti animaletti


Ogni elemento è una scultura in metallo dipinto che viene realizzata nello Zimbabwe, utilizzando scarti industriali, rottami di auto, lattine di lubrificante e con risultati perfino sorprendenti...


Sono pezzi di fattura artigianale che non solo aggiungono poesia al giardino ma consentono una vita dignitosa agli artigiani locali e alle loro famiglie.
ll pezzo più venduto quest'anno? 
Il 'tralcio di cuori'!


Negli Stati Uniti sono in voga da molti anni, non richiedono l'impegno e le cure richieste dalle comuni piante da interno e sono un gradevole elemento di decoro per la casa.
Sto parlando dei terrari di muschio proposti da Terrarium Art, dei piccoli e curiosi mondi sottovetro...



Le maestre di composizione del Garden Club di Milano, sotto lo sguardo attento della presidentessa Ornella Rilke, quest'anno si sono espresse nella creazione di mini-bouquet al gusto di...gelato!


Paolo Parlamento ha rinnovato i suoi famosi Hotel per insetti, presentando modelli di dimensioni più contenute adatti anche a balconi e davanzali.
Più chalet che hotel...


oltre a soluzioni architettoniche decisamente più ardite, ma sempre naturali e apprezzatissime dagli insetti


C'è poi chi i fiori li ama al punto da volerli portare con sè, magari indossando uno di questi copricapi e fascinator.
E' richiesta però una certa dose di estrosità e tanta sicurezza di sè...


Il piccolo stand di 'Foglie, Fiori e Fantasia' esponeva, ma non vendeva, alcune graziose e coloratissime composizioni floreali.
Gli eleganti bouquet erano suddivisi in mini-giardini cromatici e...tematici, ma tutti realizzati all'insegna del riciclo creativo.
Foglie e fiori freschi erano perciò uniti alla fantasia del contenitore, realizzato con materiali poveri di recupero.
Ecco allora il 'Giardino di plastica'...


il 'Giardino dei tonni', che riutilizza le colorate lattine in banda stagnata...


il 'Giardino delle mucche', con contenitori in tetrapak e PET


e perfino il 'Giardino a basso voltaggio', con materiale elettrico di scarto.
Una dimostrazione di buon gusto, creatività e riuso!


Termina qui la terza parte della mia foto-storia di Orticola 2014.
Se volete rileggerli, ecco i miei post precedenti:
Orticola 2014: il mio reportage 
Orticola 2014: gli allestimenti 

4 commenti:

  1. Che bello il tuo reportage, mi ha fatto molto piacere, grazie

    RispondiElimina
  2. Quante belle idee, grazie Luisella per avercele presentate!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Oriana!
      A me Orticola piace molto...si era capito? :-D
      ciao!

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!