lunedì 5 maggio 2014

I semi del passato

Qualche giorno fa sono andata a Cremona e, poichè non conoscevo la città, ho fatto un giro nel suo centro storico.
Percorrendo una via che porta alla piazza medievale, per vedere il Duomo e il famoso Torrazzo, una vecchia insegna ha attirato la mia attenzione...


Arrugginita, in parte scrostata e dai colori ormai sbiaditi, l'insegna era però ancora chiaramente leggibile.
Anche ingrandendo la foto, non ho trovato nessuna data ma presumo che questa testimonianza di un negozio del passato goda di una particolare tutela conservativa.
Attualmente infatti i locali sotto questa insegna ospitano il negozio di un parrucchiere il cui nome è riportato unicamente sulle vetrine, peraltro in maniera molto discreta e decisamente sottotono, lasciando quindi alla vecchia insegna il ruolo di protagonista.

Ho ingrandito qualche particolare e da un lato è emerso un mazzo di rose...



e dall'altro un grappolo d'uva e un'arancia, mentre il decoro sovrastante l'iscrizione porta un elegante fregio a riccioli e volute che termina con una cornucopia, simbolo di abbondanza e fertilità, da cui fuoriesce una promessa di fiori, frutta e ortaggi


Qui c'era dunque un negozio della Franchi Sementi, una storica azienda italiana che già dalla seconda metà del 1700 produceva, confezionava e vendeva sementi e che è ancora oggi un leader del settore: le sue colorate bustine di semi sono presenti in tutti i garden center e anche in molti supermercati!

Una vecchia e arrugginita insegna, che riporta alla mente le speranze riposte nell'acquisto dei semi, il lavoro non ancora meccanizzato nei campi e la fatica dei contadini di un tempo, sapori e saperi antichi...

Aggiornamento
Su suggerimento dell'amica Ornella, ho segnalato alla Franchi Sementi il mio 'ritrovamento'.
Con molta cordialità, mi ha subito risposto l'Ing. Giampiero Franchi.
Nella sua mail mi ha raccontato che il negozio apparteneva ad alcuni suoi parenti ed era rimasto in attività fino ad una decina di anni fa.
In seguito il negozio è stato chiuso e venduto, con cambio di attività.
L'Ing. Franchi si è detto felice di sapere che gli attuali proprietari abbiano comunque mantenuto l'insegna e che, alla prima occasione, farà personalmente un sopralluogo per verificare la possibilità di recupero dell'insegna.
Ne sono felice anch'io!
 

9 commenti:

  1. grazie del bel post. :) romantico !

    RispondiElimina
  2. perchè non mandi le foto alla Franchi Sementi? se fossi in loro, farei restaurare l'insegna

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Hai ragione Orny, non ci avevo pensato! :-)

      Elimina
  3. scusate se mi intrometto con una buon dose di pessimismo; Ornella tu scrivi da un Paese civilizzato. Le cose da queste parti ... sono meno "lungimiranti" Magari sbaglio. Va be ... ciao :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Laura, temo che tu abbia scambiato Ornella (che scrive dalla Brianza) con Oriana (che scrive dalla Svezia) :-D
      Comunque mi ha risposto l'ing. Franchi, hai visto l'aggiornamento del post?
      Pur sottolineando che l'insegna non è più di sua proprietà, ha lasciato intravvedere qualche possibilità di recupero :-)

      Elimina
    2. E allora speriamo che l'ing. Franchi faccia tutto il possibile per recuperare questa splendida insegna!

      Elimina
  4. potevo sbagliarne 2, ne ho sbagliate due! ottimo ... ops, scusa Oriana son sbadatona. Ciao a tutte, soprattutto a Ornella dalla Brianza. Va be, anche tu scrivi da un Paese civilizzato :)))

    RispondiElimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!