venerdì 23 maggio 2014

Dal Roseto di Monza...ecco come si svolge il Concorso per Rose Nuove

L'altro giorno, commentando un mio post, Oriana mi ha fatto alcune domande a proposito del concorso per Rose Nuove al Roseto di Monza, chiedendomi anche di farne un post.
E io rispondo molto volentieri...




Chi mette a dimora le rose e quando?
Le nuove rose vengono messe a dimora nel roseto due anni prima del concorso dal personale specializzato del roseto stesso.
Quindi ora sono presenti le rose del concorso 2015 ed è già stata preparata la zona che a breve accoglierà quelle del 2016.


Chi giudica le rose in concorso?
Esiste una Giuria Permanente che durante i due anni osserva le rose, dando valutazioni sullo sviluppo della pianta, la resistenza alle malattie, la fioritura, il profumo e altro ancora.
Alcuni membri di questa giuria fanno parte dell'Airosa (Associazione Italiana della Rosa), altri sono gli esperti che si prendono cura materialmente di queste piante, come Tina Ponzellini.
E' evidente che la Giuria Permanente è in grado di esprimere giudizi veramente competenti, avendo la possibilità di seguire le rose costantemente e in un arco di tempo piuttosto lungo.
I voti della Giuria Permanente costituiscono però il 50% delle votazioni ai fini dei concorsi.
Il restante 50% viene invece assegnato il giorno stesso del concorso da una giuria molto eterogenea, formata anche da persone non necessariamente esperte di rose.
In pratica giudicano solo quello che vedono esattamente in quel giorno e in base al loro gusto personale.
Questo è abbastanza limitante perchè se una rosa, pur bellissima e di ottima qualità, è in ritardo con la fioritura non avrà granchè da mostrare ai giudici e rimarrà quindi penalizzata, anche se si tratta di una rosa validissima.
Possono capitare anche problemi meteorologici: lo scorso anno, ad esempio, il concorso si è svolto sotto una pioggia scrosciante!
Immaginate quindi i problemi della giuria a scegliere, solo per citarne una, la rosa più profumata...
Per questo ed altri motivi, ogni anno si ripropone la questione di dare un maggior peso alle valutazioni della Giuria Permanente.


Che fine fanno le rose in concorso?
Le rose vincitrici nelle varie categorie vengono trapiantate definitivamente in altre zone del roseto, mentre le altre vengono bruciate in presenza di testimoni.
Questa pratica però non è da intendersi come un crudeltà o una punizione riservata ai perdenti! 
Tenete presente che si tratta di rose coperte da brevetti e non ancora commercializzate, quindi non possono essere vendute e nemmeno regalate.
Non è nemmeno detto che le rose vincitrici vengano messe in produzione dagli ibridatori, tutto dipende dalla richiesta e dal gusto del mercato.
E' possibile perciò che nel Roseto di Monza ci siano anche rose mai prodotte e quindi introvabili.
Per questo motivo qualche anno fa l'ibridatore tedesco Kordes ha chiesto di togliere dal roseto tutte le sue rose non denominate e quindi mai entrate in produzione.


Oggi è il giorno dei concorsi e io assisterò alle premiazioni...chissà se vincerà qualcuna delle rose scelte da me?

Altri post dedicati al Roseto di Monza:
Dal Roseto di Monza...facciamo qualche pronostico? 
Dal Roseto di Monza...ricordando Grace di Monaco 
Dal Roseto di Monza...aspettando il Concorso 2014 

2 commenti:

  1. Grazie Luisella, è così interessante poter conoscere i retroscena dei concorsi. Per voi addetti ai lavori può sembrare scontato ma alcuni di noi non hanno la più pallida idea di cosa succede e come si arriva al verdetto finale. Post interessantissimo. Ora vogliamo sapere quale ha vinto. La 18 forse?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. La giornata è stata molto interessante per me che, per la prima volta ho partecipato all'evento come 'giornalista', pensa un po'!!!!
      Per la prima volta però ci sono state anche contestazioni sull'assegnazione dei premi, dati a rose che oserei definire inqualificabili.
      Se vuoi saperne di più, ho scritto un post anche su questa giornata pazzesca!
      Ciao!

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!