mercoledì 19 marzo 2014

La lunga vita delle bulbose primaverili

Dai fiorai e nei garden center si trovano in vendita proprio ora deliziose composizioni di bulbose già in fiore o comunque prossime alla fioritura


Belle, vero?
Giacinti, muscari, iris, crochi, narcisi miniatura e tulipani botanici, c'è solo l'imbarazzo della scelta e...del contenitore!


 In realtà si potrebbe realizzare molto facilmente queste belle composizioni primaverili, basterebbe solo ricordarsi di mettere nei vasi qualche bulbo ma...in autunno!
In ogni caso le bulbose sono piante davvero facili da coltivare e con i loro nuovi germogli portano un soffio di primavera nelle nostre case.
La fioritura poi dura parecchie settimane, molto più di un mazzo di fiori recisi e alcune sono anche intensamente profumate.
Ma quando i fiori appassiscono, la vita del bulbo continua!


Ecco cosa fare...
 Al termine della fioritura è preferibile tagliare lo stelo fiorale per evitare che il bulbo disperda le energie nella produzione dei semi. 
A questo punto i bulbi vanno portati all'esterno dove possono essere piantati direttamente nel terreno, magari andando a rimpolpare una già esistente colonia di analoghi bulbi primaverili.
Naturalmente il periodo migliore per mettere a dimora questi bulbi sarebbe l'autunno, ma piantandoli ora si ha il vantaggio di trovare la giusta collocazione in mezzo a quelli già presenti nell'aiuola.
Nel terreno però vanno piantati molto più a fondo rispetto alla composizione, dove i bulbi affiorano a vista o addirittura sono semplicemente appoggiati sopra uno strato di terriccio.
Di regola i bulbi vanno infatti interrati in una buca profonda tre volte la dimensione del bulbo stesso.
Le foglie si allungheranno molto ma bisognerà aspettare che ingialliscano, prima di tagliarle.
Quando le foglie seccano è il segnale che il bulbo ha terminato il suo lavoro e può entrare in dormienza, ma tornerà a germogliare e rifiorire ogni primavera.
 

 Se invece si vogliono coltivare i bulbi in vaso, è chiaro che non si possono tenere in questi contenitori di fantasia, graziosi sì ma di certo inadeguati alla vita di una pianta.
Occorre perciò spostare i bulbi in un vaso provvisto di foro, con uno strato di drenaggio sul fondo e buon terriccio universale, dove potranno terminare indisturbati il loro ciclo vegetativo.
E tornare a rifiorire anno dopo anno...


Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!