giovedì 9 gennaio 2014

Muschio in giardino, perchè no?

Lo so, leggendo il titolo del post di oggi, mi giudicherete una pazza ma a me è sempre piaciuto il muschio nel sottobosco e sui tronchi delle piante o ancora di più in particolari ambientazioni di vecchi e romantici giardini, magari associato a un leggiadro capelvenere


Fino a qualche tempo fa però nel mio giardino non tolleravo assolutamente la sua presenza, specialmente durante il mio periodo di anglofilia giardiniera, quando consideravo il muschio come una delle peggiori disgrazie che potessero capitare al mio perfetto e curatissimo praticello verde.
Dopo anni passati a prevenirlo e a combatterlo, ora ho deposto le armi e lo accetto tranquillamente in quegli angoli ombrosi dove l'erba crescerebbe comunque stentata, sui muretti di cemento che la sua presenza rende meno freddi e cittadini, tra le fessure nella pavimentazione esterna...


Insomma, pur tenendolo d'occhio per evitare che prenda il sopravvento, ne apprezzo la sua morbida presenza che dà al mio giardino un aspetto più vissuto.

Ma...si fa presto a dire muschio!
Avete mai provato a osservarlo da vicino?


Sembra di guardare una foresta aliena in miniatura e poi i muschi non sono tutti uguali, ne esistono centinaia di specie!
Questo ad esempio è il muschio che cresce negli angoli bui del mio giardino...


mentre questo cresce a poca distanza sul muretto di cemento...


Esistono anche muschi che crescono negli acquitrini, altri in zone tropicali, altri ancora sulle montagne o sulle spiagge.
Tutti però hanno la caratteristica di non produrre fiori.
I muschi infatti si sviluppano dalle spore che si formano nelle capsule e rapidamente colonizzano lo spazio circostante.


Di per sè il muschio non è dannoso ma nei prati umidi, ombrosi e scarsamente drenati ha decisamente la meglio sull'erba, soffocandola con i suoi densi cuscini.

Nemmeno danneggia le piante, quando ne riveste i tronchi.
Il muschio infatti non è un parassita, è in grado di svolgere autonomamente la fotosintesi e le sue minuscole radici hanno esclusivamente una funzione di ancoraggio.
E' vero però che può ospitare invertebrati e altri microscopici organismi.


I giardinieri inglesi ne incoraggiano la diffusione a scopo ornamentale per 'invecchiare' muri, statue e altri elementi ornamentali.
Ho letto che spalmano le superfici da ricoprire con sostanze organiche come birra o yogurt e poi ci applicano sopra piccoli frammenti di muschio che in questo modo si propaga velocemente.
La cosa mi incuriosisce, potrei provare magari su un vaso di terracotta e vedere cosa succede...


Di sicuro non basta un po' di muschio a trasformare il mio piccolo spazio verde in un romantico giardino ottocentesco ma comunque ne ammorbidisce un po' l'aspetto troppo pulito e cittadino.

In primavera poi preleverò alcune zolle e le metterò vicino alla siepe: saranno certamente materiale utile agli uccelli per la costruzione dei loro nidi.

3 commenti:

  1. ed io, anche stavolta, sono PERFETTAMENTE d'accordo con te. Il muschio è bello, vivo e ammorbidisce le linee.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Se non fosse che sono parecchio più vecchia di te, penserei che siamo state separate alla nascita! :-D

      Elimina
  2. è vero :)) (però io sono del 65, mica così giovane...)

    RispondiElimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!