martedì 17 dicembre 2013

Natale nel bosco senza radici!

'Natale nel bosco' è l'evento che la città di Monza ha ideato per il 2013 in vista delle festività natalizie.
Quest'anno la manifestazione ha coinvolto anche la piazza antistante il Duomo.


L'intento era quello di riprodurre un bosco incantato in città che ospitasse una sorta di villaggio natalizio
In realtà l'effetto dell'allestimento è decisamente mediocre...


Un gruppo di container, che ospitano varie attività ludiche destinate ai bambini, è racchiuso da due aiuole decorative dove alloggiano alcune conifere


I tanto pubblicizzati 30 alberi  sono in realtà 30 cimali.
Che non potessero essere alberi in vaso con radici già l'avevo intuito non appena ho visto lo spessore delle aiuole...


e infatti basta girare dietro i container per vedere i tronchi appoggiati direttamente sul selciato...


Ma cosa sono davvero questi cimali?
Il cimale non è nient'altro che la cima tagliata di un albero.
Quando le conifere vengono abbattute per fare legname o per piani di sfoltimento previsti dal Corpo Forestale, si salvano le cime che vengono vendute come alberi di Natale.
Solitamente si usa inchiodare alla base del tronco due legni a croce per poterlo reggere in piedi.

Nel caso foste interessati all'acquisto di un cimale per fare l'albero di Natale è però importante assicurarsi che provenga da diradamenti forestali autorizzati.

Salvare la cima di un albero destinato all'abbattimento è una cosa sensata, ma tagliare la punta a una conifera è invece una pratica sconsiderata che crea problemi e sbilanciamenti a delle piante che sono predisposte per natura a crescere in forma di cono.

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!