giovedì 7 novembre 2013

Alberi di Natale...a testa in giù!

I garden center sono già in pieno clima natalizio e quindi ho iniziato i miei giri esplorativi andando alla Steflor per vedere la sua Città del Natale.
Come ogni anno gli allestimenti sono sempre spettacolari anche se ormai per me, senza i bambini piccoli, hanno perso molto della loro magia.

Probabilmente però non avranno ancora completato del tutto le esposizioni, perchè ho visto proprio pochi alberi addobbati e tra l'altro erano quasi tutti a testa in giù.


L'albero di Natale capovolto non è certo una novità ma si tratta in genere di alberi appesi al soffitto mentre questi erano retti da un piedestallo, probabilmente perchè il soffitto del garden center è troppo alto.


Negli Stati Uniti l'upside-down Christmas Tree è un'usanza consolidata già da diversi anni.
I sostenitori di questo albero di Natale ne elencano i diversi vantaggi: è l'ideale nei piccoli alloggi perchè, appeso al soffitto in un angolo della stanza, non toglie spazio sul pavimento, le decorazioni che pendono hanno un maggior risalto, è più scenografico dell'albero tradizionale e inoltre è molto più sicuro per chi ha animali domestici o bambini piccoli che girano per casa.
In effetti ricordo ancora la mia angoscia nel vedere il mio primogenito che, all'età di 3 anni, aveva rovesciato l'albero di Natale per sfilargli il puntale e portarmelo soddisfatto in cucina dove mi trovavo a preparare il pranzo.


Ecco, a proposito, ma dove si mette il puntale agli alberi appesi al soffitto?
E poi, altra domanda, se per appenderlo in tutta sicurezza immagino occorra un robusto gancio ancorato al soffitto, per gli altri undici mesi dell'anno come nascondo quel gancio?

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!