lunedì 7 ottobre 2013

La torta paesana più lunga del mondo

Tra settembre e ottobre in Brianza si svolgono le varie feste patronali.
Ogni fine settimana c'è dunque un paese in festa da visitare!
Il denominatore comune di tutte queste sagre è la torta paesana, un dolce povero della tradizione locale, a base di pane raffermo, latte, cacao e pochi altri ingredienti.
Non c'è una ricetta ufficiale, ognuno ha la propria gelosamente custodita, ma tutti gli ingredienti sono sempre rigorosamente dosati...a occhio!
Da qualche anno una sfida amichevole coinvolge i vari paesi nella realizzazione della torta paesana più lunga del mondo.
Il record del 2012 spettava alla città di Seregno, sfidata quest'anno da Desio


La gara ha coinvolto panificatori, pasticceri e un gran numero d volontari che sabato pomeriggio si sono cimentati nell'allestimento di questa spettacolare torta.
Eccoli febbrilmente al lavoro... 


In poco meno di mezzora la lunghissima torta era pronta per il verdetto finale...


Armati di un metro a nastro e sotto gli occhi attenti del giudice di gara, dei testimoni e della stampa locale, inizia la misurazione ufficiale...



La lunghissima torta era esposta su una altrettanto lunghissima tavolata che percorreva la principale via cittadina...


Ed ecco il termine della torta...chi vincerà?


 Il risultato ha superato ogni aspettativa, tanto che non è bastato il tavolo predisposto per sorreggere l'ultimo pezzo di torta...


La misurazione di 212,30 mt assegna il primato 2013 alla città di Desio ed è il Sindaco ad attestarne la validità, apponendo la propria firma...


Oltre a fotografare l'impresa, ho dato anch'io il mio piccolissimo contributo all'evento in qualità di testimone, convalidando con la mia firma il raggiungimento dei 20 mt.


 Alla fine la torta è stata velocemente smontata per consentire la vendita delle singole mattonelle da un chilo ciascuna, mentre un Elvis Presley brianzolo allietava la manifestazione...


Ed ecco la folla assiepata attorno al banco delle torte che venivano altrettanto rapidamente consegnate, tramite il ritiro di un buono pre-pagato...


 Ogni torta era accompagnata dal foglietto recante il nome del produttore che indicava ingredienti e scadenza, oltre ai ringraziamenti della Comunità Soleluna a cui è stato interamente destinato il ricavato della vendita.


Riuscirà Seregno nelle prossime settimane a superare il record stabilito da Desio in questa sfida golosa?


Ho già pubblicato un altro post sulla città di Desio, eccolo:
Una notte d'estate in cima a un campanile 

2 commenti:

  1. infatti, l'unica cosa certa di questa torta è che non esiste una ricetta certa :-D !
    Infatti la mia non prevede nè uova nè zucchero, ma in più una tavoletta di cioccolato fondente e il cedro candito (sempre più difficile trovare quello giusto)
    Ornella

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Vero! :-D
      Nella mia famiglia la faceva mia zia e anch'io ricordo il cedro, ma quello a pezzi interi che poi veniva tagliuzzato a dadini da inserire nell'impasto e a striscioline da mettere sopra come decorazione.
      Mi pare poi che ci fosse anche un pezzo di pan d'anice tra gli ingredienti, ma qui i ricordi si annebbiano :-D

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!