martedì 29 ottobre 2013

Crisantemi in giardino, perchè no?

E' il fiore nazionale del Giappone, nei paesi anglosassoni è simbolo di gioia, gli Impressionisti francesi come Degas, Cézanne e Monet li hanno dipinti in numerosi quadri...e noi li portiamo in cimitero: ma perchè?
In autunno con la loro fioritura abbondante e appariscente, i crisantemi sono una pennellata di colore per i nostri giardini e balconi di città!


Ho cominciato vent'anni fa a coltivarli nel mio giardino, componendo una bordura di verdi cespugli dalle belle foglie lobate, ai piedi delle piante dei kiwi...


Ne avevo comprato alcune piante a fiore piccolo e bianco ma ogni anno ne aggiungevo sempre qualcun'altra: erano i vasi reduci dal loro 'servizio' in cimitero. Infatti, una volta terminata la fioritura, li portavo a casa e li trapiantavo nella mia bordura.


I crisantemi sono piante erbacee perenni. Quando in inverno la parte aerea ingiallisce, si tagliano i rami alla base dove è facile trovare già i nuovi germogli.
Nessun pericolo in caso di gelate o nevicate, sono piante molto rustiche e a marzo la vegetazione riprende con vigore, formando velocemente dei folti cespugli di forma arrotondata.



Generalmente verso maggio ma comunque mai più tardi della metà di giugno, una bella sforbiciata alle cime stimola una produzione ramificata, più folta e compatta.
Coltivati in terra, richiedono annaffiature regolari mentre in vaso le loro necessità idriche diventano più esigenti, soprattutto con l'aumentare delle temperature.
In estate compaiono i piccoli boccioli che però cominciano ad ingrossarsi solo al termine del caldo estivo per sbocciare verso la fine di ottobre.



Una volta terminata la fioritura, come ho già detto, si tagliano gli steli alla base e attorno ai cespi si sparge qualche palettata di stallatico sfarinato.


Compravo sempre crisantemi bianchi soprattutto quelli a corolla semplice ma anche stradoppia.
Negli anni però capitava che le amiche mi portassero i loro crisantemi sfioriti o mezzo-rinsecchiti da trapiantare nella mia bordura.
E così nel mio giardino, rigorosamente a fiori bianchi, in autunno compariva un assortimento di colori squillanti, spesso in accostamenti azzardati, insomma...un po' troppo per i miei gusti!






Li ho avuti perfino verdi!



Poichè il mio giardino è in perenne evoluzione, quella bordura ora è cambiata, adesso prevalgono le Hosta e le Astilbe.
In mezzo a questi però spunta ancora qualche pianta di crisantemo, ma solo a fiore bianco.
Altri invece li ho rimessi in vaso e in questo periodo li metto davanti all'ingresso o dove mi serve l'allegria di qualche fioritura autunnale.
Chi l'ha detto che i crisantemi sono fiori tristi?


Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!