martedì 3 settembre 2013

Un matrimonio di fine agosto

Lo scorso sabato si è sposata la figlia di una amica con la quale condivido la passione del giardinaggio.

Ai matrimoni mi piace osservare gli allestimenti floreali ancor più che le mise delle invitate.
Naturalmente ho fatto qualche foto...

Davanti all'entrata della chiesetta erano stati posti due grandi cesti.
Nel primo una stupenda composizione mista di aromatiche e delicate rose dalle tenui sfumature rosate che spuntavano tra i rami variegati di Pittosporum tenuifolium, con rami di Symphoricarpos albus che ricadevano sotto il peso delle caratteristiche bacche bianche.


una splendida e raffinata composizione che ha catturato subito il mio sguardo.


Sull'altro lato dell'ingresso un secondo cesto, ugualmente ben composto, conteneva il beneaugurante riso da lanciare agli sposi.


Ero in anticipo sull'orario della cerimonia e questo mi ha consentito di entrare in chiesa per osservare da vicino gli allestimenti (ovvero: per curiosare meglio...)


All'interno c'era la floral-designer che dava gli ultimi ritocchi alle composizioni e, con mia grande sorpresa, ho scoperto che si trattava di Odessa Chiaravalli che avevo conosciuto tempo fa nel vivaio di famiglia in occasione della Colazione tra i fiori , ricordate? 


La chiesa era molto piccola e, se da un lato era garanzia di una suggestiva cerimonia molto intima e raccolta, dall'altro poneva alcuni limiti agli allestimenti.
La stretta navata ad esempio non consentiva decorazioni lungo il percorso ma Odessa ha risolto l'inconveniente appoggiando degli affusolati bouquet sulle spalliere delle panche.


Una serie di composizioni decoravano invece il presbiterio e l'altare


Non sono stati utilizzati vasi bensì dei cesti di rami intrecciati di uguale fattura ma di forme differenti.
L'impiego dei cesti come contenitori ha accentuato l'impronta romantica delle composizioni che erano in realtà tutti 'pezzi unici'.
Infatti gli stessi fiori sono stati accostati tra loro in maniera sempre diversa



Non mancavano nemmeno i dettagli che gli sposi hanno riservato a parenti e testimoni,
come i bracciali...


e le bottoniere...


...e infine ecco il bouquet della sposa!
Un classico round hand-tied bouquet di rose e anemoni avvolti con un giro di pitosforo variegato, in una composizione di semplice eleganza e nello stesso tempo di estrema maneggevolezza.


Complimenti a Odessa Chiaravalli e un affettuoso augurio di felicità agli sposi!

2 commenti:

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!