mercoledì 28 agosto 2013

Fiori dalle Alpi Svizzere

Ormai lo sapete...
Ovunque io vada, anche nel campo dietro casa, non posso fare a meno di cercare i fiori.
Ecco perciò un post dedicato alla flora che ho trovato sulle Alpi Svizzere, tutta reperita oltre i 2000 mt.
Niente di eccezionale, sono fiori molto comuni, ma mi piace fotografarli e dargli un nome, tutto qui...

Questo non lo avevo mai visto dal vero.
Riuscite a immaginare quello che ho provato quando ho visto una scarpata piena di questi fiori?
E' la Campanula thyrsoides dall'infiorescenza a spiga compatta e densa




Ancora una campanula, questa è la Campanula barbata che vive nei pascoli alpini.
I fiori sono penduli su un lungo stelo poco ramificato.
Il suo nome deriva dalle corolle che presentano i margini pelosi




La Parnassia palustris invece l'avevo già incontrata altre volte.
Cresce nei pascoli umidi o nei luoghi torbosi e i fiori appassiscono molto rapidamente ma sono di una bellezza delicata.




No, questo non è il Tarassaco, è la Crepis aurea, un'Asteracea dalle foglie disposte a rosetta basale e dai caratteristici fiori giallo-aranciati



Al genere Pedicularis appartengono molte specie botaniche e alcune le avevo viste anche sulle Dolomiti. Qui ne ho trovate due:

Pedicularis verticillata



e Pedicularis rostratocapitata



La Gentiana bavarica è una specie endemica delle Alpi, diffusa su tutto l'arco alpino.
Le sue corolle sono di un azzurro molto intenso



Il Veratrum lobelianum è una pianta tossica in tutte le sue parti ma io la trovo bellissima, mi piacerebbe averla in giardino.
La sua infiorescenza molto allungata porta fiori verdastri e le foglie hanno nervature molto evidenti.




Il Cirsium spinosissimum si presenta in cespugli fogliosissimi oltre che spinosi dai quali spuntano gli steli che portano i capolini circondati dalle foglie fiorali giallo pallide.
Qui con sfondo di laghetto alpino...


Le orchidee spontanee delle Alpi sono tante, ma io chissà perchè trovo sempre e solo questa, la Gymnadenia conopsea.
Le precedenti le avevo trovate ancora in bocciolo sulle Dolomiti di Cortina.



Questi pennacchietti crescono nei luoghi torbosi e umidi e nei prati paludosi.
Sono gli Eriophorum scheuchzeri
I fiori sono delle spighette a squame nerastre ma dopo la fioritura compaiono le setole bianche e densamente lanuginose


Saranno anche comuni, ma io li trovo spettacolari!
Guardate...




Per fotografare gli Eriophorum sono scesa in una conca paludosa dove sprofondavo ad ogni passo ma dovevo assolutamente vederli da vicino!  L'infangamento comunque mi ha fruttato anche il ritrovamento di altre due specie che non avevo mai incontrato prima...

La Saxifraga stellaris dalle infiorescenze molto ramificate con corolle a forma di stella e foglie basali riunite a rosetta



e la Veronica alpina con piccolissimi fiorellini blu riuniti sulla sommità di un gambo pelosissimo.
Sono fiori talmente piccoli che, se non fossi scesa nell'acquitrino per fotografare i pennacchi bianchi, non avrei mai visto!



L'Adenostyles alpina è una pianta molto comune in habitat montano e, per dirla tutta, le sue foglie dentellate riunite in folti cespugli sono davvero poco attraenti.
Nel periodo della fioritura estiva però le infiorescenze con numerosi capolini rosa-violetto ne trasformano completamente l'aspetto


Altro post sulla Svizzera:
Quattro passi svizzeri 

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!