martedì 21 maggio 2013

Il profumo dei ricordi: Robinia e Sambuco

La pioggia non dà tregua e purtroppo non ci fa gustare in pieno la primavera.
Eppure le piante sono rigogliose come non mai e le fioriture abbondano!
Tra le fioriture primaverili ci sono quelle di due piante che amo particolarmente ma che non si trovano nel mio giardino e che purtroppo, per mancanza di spazio, non potranno mai esserci.   
Sono la robinia (Robinia pseudoacacia) e il sambuco (Sambucus nigra). 

 



Sono piante molto comuni anche in città, dove hanno colonizzato i luoghi abbandonati e le periferie che, grazie alle fioriture di robinie e sambuchi, in questo periodo sembrano meno trascurati del solito.



Il profumo della robinia è gradevolmente dolce mentre quello del sambuco è leggermente amarognolo.
Da ragazzina andavo a scuola in bicicletta e, abitando in periferia, pedalavo lungo strade e vie completamente affiancate da queste piante, quasi in un tunnel vegetale, e in primavera respiravo i loro profumi.
Era il profumo non solo della primavera ma anche della fine ormai vicina dell'anno scolastico...
Di quelle piante ormai è rimasto ben poco, al loro posto sono sorti condomini e palazzine ma, come ho detto prima, in città le robinie e i sambuchi sono ovunque!  

Alcune robinie sono singoli e maestosi alberi che raggiungono anche i 20 metri di altezza...


altre invece si sono trasformate in parchi pubblici cittadini...


e quando i fiori appassiscono, ricoprono strade e marciapiedi con i bianchi petali, come fosse neve...


Pur essendo comunissima da noi, la robinia è in realtà una pianta 'esotica' arrivata nel 1600 dall'America
In Europa si è ambientata molto bene anche grazie a Maria Teresa d'Austria che, nella seconda metà del 1700, ne ordinò la diffusione negli stati sotto il suo dominio e di conseguenza anche in Italia.


Il sambuco invece è una pianta europea che ha in comune con la robinia la caratteristica di crescere ovunque e infatti è facile vederli insieme in intricati grovigli di vegetazione...



anche se non è raro vederlo fuoriuscire da recinzioni e giardini...


Se ha la fortuna di crescere isolato con abbondanza di luce e spazio attorno a sè, il sambuco si trasforma da arbusto in piccolo albero, alto fino a 9-10 metri


Insomma, per me è primavera quando nell'aria sento il profumo della robinia e del sambuco!

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!