venerdì 17 maggio 2013

Piante portate dal vento

Qualche giorno fa, percorrendo una via della città che solitamente non frequento, ho visto in un giardino questa meraviglia...


Si tratta di una peonia (Paeonia lactiflora) di cui, secondo me, potrebbe essere la cultivar 'Miss America'
Mentre la stavo fotografando dalla strada, è comparso il proprietario, un signore anziano e giustamente un po' sospettoso.
Superate le iniziali e reciproche diffidenze, dopo essermi complimentata con lui per la fioritura della pianta (di cui, ho scoperto, ignorava perfino essere una peonia) abbiamo cominciato a chiacchierare.

Tra le altre cose, mi ha detto che quella pianta era spuntata dal nulla, portata dal vento.
Personalmente nutro qualche sospetto al riguardo, essendo quella peonia un'erbacea decidua (quindi che scompare durante la stagione fredda) ritengo più probabile che sia stata magari piantata dal precedente proprietario, ma mi sono comunque  astenuta dal manifestargli i miei dubbi.  

In effetti però non è cosa rara che in un giardino compaiano piante arrivate dal nulla, grazie ai semi trasportati dal vento o dagli uccellini.
Spesso si tratta delle cosiddette piante infestanti ma a volte può capitare anche qualcosa di più interessante.

Io stessa mi ritrovo spesso qua e là in giardino piccole piante di nandina (Nandina domestica).
Questa, ad esempio, è spuntata qualche anno fa proprio vicino alla siepe e ora ha già superato un metro e trenta d'altezza...

   
ma ne ho trovate altre tre nell'aiuola davanti all'ingresso e altre ancora in punti del giardino dove non avrebbero avuto un futuro e che quindi ho trapiantato in vaso e successivamente regalato.

Nello spazio limitato di un piccolo giardino "un'intruso" non passa mai inosservato.
Ogni giorno vedo plantule sbucare tra la pavimentazione, in mezzo al prato, nei vasi e nelle aiuole.
Di regola non le estirpo mai.
Prima le lascio sviluppare per capire di che pianta si tratta.
Molte piante infatti quando germogliano da seme hanno le prime due foglie (dette cotiledoni o foglie embrionali) differenti dalle foglie che spunteranno in seguito.
Alcune mi sono talmente familiari che le riconosco immediatamente come le viole, gli ellebori, le sarcococche, gli erigeron e le aquilegie, tutte piante che già coltivo e che si autodisseminano con facilità.
Per altre invece attendo di vedere le foglie successive per poterle identificarle e decidere del loro futuro.       

Avete anche voi qualche pianta portata dal vento?

2 commenti:

  1. Buongiorno, mi chiedevo che aspetto avesse una giovane piantina di nandina... io l'ho seminata in diversi vasetti l'autunno scorso ed ora sono spuntate delle piantine che però non assomigliano affatto alla nandina poiché le foglie non sono raggruppate ma singole. E' possibile che la piantina giovane presenti foglie singole e allungate con gemme rosse alle ascelle? Non riesco a trovare una foto su internet che mi possa aiutare ad identificarla.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Xandrex,
      le giovani piantine di Nandina hanno sì le foglie molto allungate e un piccolo 'rigonfiamento' rosso nel punto dove il picciolo della foglia si attacca allo stelo.
      Il picciolo però dovrebbe portare non una singola foglia ma tre foglie disposte a croce.
      Continua a tenere le piantine in osservazione, a buttare si fa sempre in tempo e intanto magari si hanno delle belle sorprese!
      Ciao!

      Elimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!