lunedì 25 marzo 2013

Domenica a Ortochic

Durante il fine settimana a Milano ha avuto luogo la prima edizione di Ortochic.
Io ci sono andata ieri.

Mettetevi comodi perchè ho intenzione di  condividere con voi una quantità esagerata di foto di questa nuova mostra-mercato.

Domenica il tempo è stato davvero inclemente, pioggia e freddo tutto il giorno, ma grazie al riparo dei chiostri e delle sale interne, dove era ambientato l'evento, ho potuto godermi comunque la giornata.

Lo shopping verde era dedicato a tutte quelle piante sia ornamentali sia a produzione commestibile che possono trovare facilmente posto anche su un terrazzo di città

Una montagna di ellebori
Bella scelta di piante di agrumi, tra cui il Cedro 'Mano di Budda'
L'angolo dedicato ai piccoli frutti
Primule azzurre dai petali screziati
Uno stand era dedicato al Lycium barbarum, la cosiddetta pianta della giovinezza, che produce le ormai famose e ricercate bacche di goji, il frutto anti-aging con il maggior contenuto di antiossidanti.


Lycium barbarum

Le bacche essiccate di goji
Interessante anche l'offerta di Actinidia arguta, il kiwi a buccia liscia.

Actinidia arguta
 Una delle missioni di Ortochic era quella di offrire agli aspiranti coltivatori di città anche soluzioni salvaspazio ed esteticamente gradevoli per realizzare un piccolo orto in un contesto cittadino.


  

 Interessanti anche le soluzioni per coltura idroponica


Lo splendido Salone degli Affreschi ha fatto da cornice all'anima più fashion di Ortochic




Un servizio di garderie offriva spazio ai piccoli visitatori per giochi e laboratori

  
Hanno suscitato molto interesse i curiosi polli nani da giardino 


 e gli hotel per insetti, cassettine in materiali naturali e di riciclo che ripropongono i luoghi preferiti dagli insetti utili, dove possono rifugiarsi, passare l'inverno e riprodursi



Parallelamente ad Ortochic, nel Chiostro dei Glicini e nel Chiostro delle Memorie, era presente la Manifestazione d'Arte 'Orto d'Artista: dalla Semina al Raccolto'.
Molto suggestiva l'installazione dedicata all'Agenda Rossa di Paolo Borsellino, il magistrato ucciso dalla mafia
 
 un invito a riappropriarsi dei buoni frutti di chi ha seminato senza aver potuto raccogliere.

Ho seguito inoltre l'interessante conversazione tenuta dal fotografo Daniele Cavadini, ricca di consigli per fotografare gli ortaggi e la lezione del sempre coinvolgente Maestro Giardiniere Carlo Pagani.

Vi ho mostrato solo una piccola parte di quello che è stato Ortochic in questi tre giorni.
Le organizzatrici dell'evento, Daniela Di Matteo e Chiara Besana, hanno saputo offrire al pubblico una scelta molto variegata di stand espositivi, mercato verde, laboratori, mostre ed incontri tali da poter coinvolgere le diverse tipologie dei visitatori, dall'aspirante giardiniere a quello più esperto, adulti e bambini, sposi in cerca di idee per il matrimonio, o semplici curiosi.

Ortochic ha tutte le caratteristiche per diventare un appuntamento fisso ed imperdibile della primavera milanese e chissà che non si possa replicare anche in autunno... 

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!