venerdì 15 marzo 2013

Cavoli ornamentali - seconda parte

Riprendendo il post di ieri sui cavoli ornamentali, avevo concluso dicendo che tratto queste piante come stagionali e quindi, all'arrivo della primavera, li elimino.
Il cavolo ornamentale (Brassica oleracea) in realtà è una pianta biennale.

Il suo aspetto però subisce una notevole trasformazione quando finisce l'inverno...

Lo stelo si allunga e con esso anche la rosetta di foglie centrali 

  
 
 




Devo ammettere che, durante questa fase, i cavoli diventano davvero belli e di grande impatto decorativo: quelli a foglia bianca sembrano dei coni di soffice panna montata!

Sulla cima poi compaiono i boccioli






A questo punto prendo il vaso e...butto la pianta!
Eh no, proprio non mi piacciono quei fiorellini gialli del tutto simili a quelli del ravizzone o della colza, altre Brassicaceae, parenti strette dunque dei cavoli ornamentali.
Comunque, giusto per togliervi ogni curiosità, ecco quello che succede se non buttate la pianta
 



I semi sono contenuti in baccelli lunghi e sottili.  




I semi che cadono nella terra germogliano nel giro di poche settimane.


Da questi semi però difficilmente si otterranno piante simili alla pianta madre quindi non mi preoccupo di raccogliere i semi e nemmeno di conservare le nuove nate.

Se aggiungo che durante la bella stagione i cavoli diventano un'attrazione per le lumache, che ne rosicchiano allegramente le foglie, spero sarete d'accordo con me che non vale la pena darsi tanto da fare per conservarli... 

 

2 commenti:

  1. ti devo dire che i cavoli ornamentali mi sono sempre piaciuti, in particolare la varieta' tendente al rosa. Certo il portamento un po' rigido all'inizio non entusiasma, ma i vantaggi dovuti alla facilita' di coltivazione e la loro resistenza al gelo mi hanno conquistato. Complimenti per le tue belle ed esaustive foto. Non ho mai avuto la pazienza di attendere la loro fioritura finale e, come dici tu, li butto senza rimpianti.
    Ciao ciao
    Emilia

    RispondiElimina
  2. Grazie Emilia!
    Purtroppo quando lo spazio a disposizione è limitato bisogna fare delle scelte.
    Comunque quando elimino una pianta, la porto alla discarica comunale, nel container destinato ad una compostiera.
    Ciao!

    RispondiElimina

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!