mercoledì 27 marzo 2013

Ooops, I did it again...

Potevo tornare da Ortochic a mani vuote?
Ovviamente sì ed invece ecco che sotto la pioggia incessante di domenica destreggiandomi con borsa e ombrello, tra cambi di metro e coincidenze di treni, oltre a sguardi di disapprovazione dei passeggeri, mi sono trascinata a casa lui, l'Abeliophyllum distichum


E' una novità?
No anzi, è una mia vecchia conoscenza che avevo eliminato per la disperazione tempo fa. 
Questa pianta è comunemente conosciuta come forsizia bianca, di cui in effetti è parente visto che entrambe appartengono alla famiglia delle Oleaceae. 

Anni fa l'Abeliophyllum non era facilmente reperibile qui da noi così quando ne trovai una piantina striminzita non ricordo nemmeno a quale fiera, la comprai subito, fiduciosa...

  
Sapevo che, come la forsizia gialla, anche l'Abeliophillum fiorisce sui rami spogli e solo dopo spuntano le foglie.
Sulla piantina c'era in verità un rametto con dei bocciolini rinsecchiti ma già si schiudevano le gemme delle foglie, quindi avrei visto i fiori solo l'anno successivo, vabbè...la pazienza non mi manca...

Intanto la piantina cresceva velocemente

  


 insomma, una bella soddisfazione!
All'improvviso però cominciarono le rogne...
Perse tutte le foglie!
Il vaso era collocato in una posizione dove riceveva il sole da mezzogiorno fino a sera: decisi allora di spostarlo in un posto più riparato a mezzombra, nella speranza di recuperare la pianta.
Ed infatti fu così...




 Le foglie rispuntarono sugli apici dei rami...per poi perderle di nuovo...per poi rispuntare ancora...e poi di nuovo cadere....insomma un calvario continuo.

L'anno successivo NON fece fiori e di nuovo ricominciò l'alternarsi foglie-caduta-foglie.
Non c'erano problemi di parassiti o malattie e francamente non sapevo più dove metterla!
Quindi, alla fine dell'estate la caricai in macchina con destinazione...discarica.
Come ho già detto, il poco spazio che ho a disposizione non mi permette di tenere piante poco decorative o ancor peggio capricciose.
Se non potevo offrire le giuste condizioni ad una pianta, allora quella non faceva per me e, seppur a malincuore, l'Abeliophyllum era una di quelle piante.

Ormai ci avevo messo una pietra sopra, quando la scorsa domenica l'ho vista lì, con tutti quei piccoli fiorellini bianchi e...beh, sapete già come è finita...


 Questa volta come andrà?
Seguitemi e lo scopriremo insieme...

Nessun commento:

Posta un commento

Vuoi lasciare un commento?
Sarò felice di leggerlo e di risponderti!